Seguici su

Hi, what are you looking for?

Total Football Italia

Spazio Mister

Il ruolo della mezzala: le caratteristiche in zona difensiva

Le caratteristiche in zona difensiva della mezzala e alcuni esercizi pratici.

In questo quarto ed ultimo articolo sulla mezzala, andremo a vedere le caratteristiche e i compiti richiesti al giocatore in fase di non possesso. Siamo partiti da un’analisi video, in particolare dal gol di Gagliardini in Sassuolo-Inter, abbiamo, poi, scandagliato le diverse tipologie di mezzala nel panorama europeo e successivamente sono state proposte alcune attività di campo per lavorare sulla fase di possesso, in particolare su due possibilità in zona di rifinitura. È arrivato ora il momento di vedere qualcosa riguardante la fase di non possesso.

A livello di tattica collettiva in fase di non possesso, la mezzala è spesso chiamata ad un compito dispendioso ma fondamentale per la squadra: molti allenatori, infatti, scelgono la mezzala per guidare il pressing corale. Spesso si dice che nel calcio moderno è l’attaccante il primo difensore, colui che guida il pressing, ma in realtà, a mio parere, la maggior parte degli attaccanti porta una pressione singola o al massimo un indirizzamento del gioco avversario; è poi la mezzala a dettare i tempi e la qualità del pressing corale. Quando questa sbaglia spazio o tempo di pressione individuale, infatti, tutta la squadra va in difficoltà, perché la zona nevralgica, quella del centrocampo, è superata e la difesa rimane esposta all’attacco avversario: ciò non accade quando, invece, è l’attaccante ad essere superato.

Rimanendo sull’aspetto corale, la mezzala, a seconda delle indicazioni dell’allenatore, guida un pressing:

  • Ultraoffensivo: esce in pressione su portiere o difensore, chiudendo un lato di gioco e cercando di obbligare gli avversari al lancio lungo, grazie all’aiuto dei compagni.
  • Offensivo/Esterno: soprattutto in determinati moduli, la mezzala esce in pressione esterna sul terzino avversario, cercando di farlo giocare dentro al campo o sulla fascia, in base alla tattica  prescelta.
  • Offensivo/Centrale: con una marcatura a uomo le mezzali cercano di non far arrivare la palla dentro ai centrocampisti avversari durante l’impostazione bassa.
  • Difensivo o Ultradifensivo: rientro veloce nella propria metà campo e occupazione degli half-spaces, a protezione della linea difensiva, chiudendo le traiettorie di passaggio.

Al di là di questi aspetti, che dipendono dalle scelte e dal credo di ogni allenatore, ci sono poi i compiti di pressione o marcatura individuale che sono propri della mezzala. Tra questi c’è sicuramente l’uscita in pressione laterale, ovvero l’uscita ad affrontare in duello l’esterno, alto o basso, della squadra avversaria, la marcatura del playmaker avversario, l’inserimento all’interno della linea difensiva ed infine l’assorbimento di un taglio avversario.

Esercizio 1

Attività per l’uscita in pressione laterale della mezzala. Gioco di posizione rivisitato per la fase difensiva. Attaccante e difensore sono i comodini, mentre la squadra in possesso gioca con le due mezzali fuori dallo spazio e il play dentro al campo. I tre centrocampisti della squadra in non possesso rimangono dentro. I due play non possono uscire dallo spazio. Si gioca un possesso palla, il cambio posizione arriva sul recupero palla e trasmissione ad uno dei jolly. Quando la palla viene giocata ad una mezzala esterna, la corrispondente avversaria deve uscire in pressione: il giocatore in possesso deve fare almeno tre tocchi prima di rigiocare la palla. In questo modo si fornisce il tempo alla mezzala per l’uscita in pressione.

Esercizio 2

Attività per l’assorbimento di un taglio della mezzala. Si gioca un possesso a pallamano a tempo: prima attacca una squadra, poi l’altra. 2 contro 2 più 4 jolly, uno interno al campo e tre fuori, un difensore e due esterni di fascia. La squadra in possesso fa punto se riesce a servire una delle due mezzali oltre la linea di meta e questi riesce a mettere giù la palla, come nel rugby. Il punto viene annullato se il suo marcatore riesce a toccarlo prima che la palla tocchi terra.

Andrea Rigatuso

Potrebbe interessarti anche: “Il ruolo della mezzala: le caratteristiche in zona offensiva”.

Foto: Calciomercato.com

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero piacerti anche questi articoli

L'analisi

Per tutti gli amanti del calcio, ed in particolare del calcio inglese come me, 26 Dicembre significa Boxing Day, ovvero una giornata intera di...

Spazio Mister

Come porsi degli obiettivi può migliorare le nostre performance

Mission

Gli obiettivi della nuova piattaforma creata dal team di Total Football.

Intervista

Simone Vargiolu ci racconta cosa significa fare il preparatore dei portieri in un settore giovanile dilettantistico