Seguici su

Hi, what are you looking for?

Total Football Italia

Intervista

La video Analisi di Davide Bocciardi sul derby d’andata tra Inter e Milan

L’intervista a Davide Bocciardi, classe 2009 della Macallesi, sul derby d’andata tra Inter e Milan.

Approfittando di questi giorni a casa da scuola per le vacanze di carnevale, Davide Bocciardi, un ragazzo della categoria Esordienti 2009 della A.C.D Macallesi, ha svolto in autonomia una rudimentale video-analisi del derby di andata tra Inter e Milan.

Il giovane tifoso interista si è messo nei panni di Mister Antonio Conte e del suo staff e, riguardandosi la partita di campionato, ha estratto alcuni spezzoni video ricorrenti, che potrebbero essere utili nella preparazione del match. Ieri ci ha inviato il suo lavoro e abbiamo deciso, quindi, di intervistarlo per farci spiegare che cosa ha visto.

Davide, cosa ti ha portato a fare questa video-analisi?

Da grande vorrei diventare un bravo allenatore ma già adesso mi piace andare a rivedere alcune partite (non per forza dell’Inter) e andare a prendere degli spezzoni per analizzarli così da avere l’idea di come gli allenatori professionisti preparano una partita insieme al loro staff e ai giocatori.  

Analizziamo alcuni fermo-immagine che ci hai proposto. Per primi questi tre, che riguardano lo stesso tema. Spiegaci che cosa hai visto.

In questa azione di ripartenza interista si vede Vidal che, sul pressing alto di 5 giocatori del Milan, organizzato malissimo, la passa di prima a Brozovic e così da’ il via alla ripartenza interista.

Secondo me i giocatori del Milan hanno sbagliato perché hanno guardato il pallone, invece di marcare gli avversari che sono vicini alla posizione. Nel disegno(in alto), con le frecce, ho indicato dove dovevano posizionarsi a mio avviso.

In questa azione interista si vede ancora il Milan con 4 giocatori che sono andati tutti sulla palla e non si sono preoccupati degli avversari interisti e, infatti, Vidal riesce ad uscire con un passaggio dalla gabbia milanista su Kolarov che può avanzare senza nessuna opposizione da parte del Milan, ma con tutta la difesa molto ben schierata.

In questa azione da parte dell’Inter si vede Vidal col pallone che ha appena servito Eriksen tutto solo. Da solo perché ancora una volta i giocatori milanisti, in 5, sono ancora andati tutti sulla palla senza pensare agli avversari indisturbati (per esempio gli stessi Vidal e Eriksen, ma anche Hakimi sulla destra senza la minima opposizione di alcun milanista).

In pratica, il Milan va sempre a pressare con tanti giocatori sulla palla, perciò se i giocatori dell’Inter riescono a fare passaggi velocemente possono trovare dei compagni liberi facilmente.

Interessante. Ci sono tante azioni che hai estratto. Vediamone un’altra che riguarda le azioni offensive dell’Inter.

In questa azione si vede Perisic con il pallone marcato da Calabria, poi raddoppiato da Saelemakers. Nell’azione non c’è nessuno dell’Inter a sostegno al momento ma sono in 4 dentro l’area ad aspettare il cross molto improbabile da parte di Perisic, anche perché la difesa del Milan è predisposta bene. In questo caso secondo me qualcuno dei 4 interisti o Hakimi, appena al limite dell’area, dovrebbe avvicinarsi a Perisic a farsi dare la palla o per portare un uomo in più del Milan fuori dall’area o quantomeno non a marcare in mezzo.

Vediamo ora tre proposte sulla fase difensiva dell’Inter. Due azioni e una rimessa laterale.

In questa azione da cui scaturisce il secondo gol milanista parte tutto dall’accelerazione di Leao su D’Ambrosio che lo salta nettamente. Intanto, come si può vedere, c’è Ibrahimovic che si trova dietro a Kolarov ma quest’ultimo non lo sta guardando in marcatura e, infatti, lo perde; Leao se ne accorge e serve preciso lo svedese in mezzo all’area che la mette dentro senza problemi.

In questa azione milanista c’è Calabria che sta portando palla con affianco Perisic che cerca di rubargli il pallone alla sua destra, ma alla sinistra del numero 2 milanista, ovvero a centrocampo, non c’è nessuno. A destra si vede Barella in fase offensiva ancora impegnato a tornare nella sua posizione mentre Brozovic e Vidal stanno anche loro andando incontro a Calabria. Secondo me è proprio questo l’errore dell’Inter che porta Calabria a fare il passaggio in verticale a Calhanoglu che si trova contro i 3 difensori interisti ben schierati. Sotto ho fatto un disegno su quello che penso dovevano fare i centrocampisti dell’Inter: posizionarsi per coprire il passaggio centrale.

In quest’ultima azione(in basso) su rimessa laterale da parte del Milan nella metà campo offensiva si vede Ibrahimovic che parte da lontano e quando Theo batte la rimessa laterale si avvicina ed entra nel «quadrato difensivo» interista composto da De Vrij, Brozovic, D’Ambrosio e Vidal. In questo caso la difesa dell’Inter non si comporta benissimo perché a mio avviso uno dei quattro, in particolare De Vrij, avrebbe dovuto marcare a uomo Ibrahimovic impedendogli di fare la sponda sul terzo uomo (in questo caso Calhanoglu) che si inserisce all’interno dell’area e riceve il pallone tra Hakimi e Brozovic.

Redazione

Potrebbe interessarti anche: “Umberto Scalese: allenare i portieri in agonistica”.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero piacerti anche questi articoli

L'analisi

Per tutti gli amanti del calcio, ed in particolare del calcio inglese come me, 26 Dicembre significa Boxing Day, ovvero una giornata intera di...

Spazio Mister

Come porsi degli obiettivi può migliorare le nostre performance

Mission

Gli obiettivi della nuova piattaforma creata dal team di Total Football.

L'analisi

Tonali: "Il gol? L'avevamo preparato". Ecco cosa c'è dietro il gol del Milan.